• Post Author:
Nei giorni d’oggi il cibo è disponibile e abbondante come non lo è mai stato prima nella storia umana, stiamo però, in effetti, morendo di fame. Come può essere?
Per capire meglio come avviene questo è necessario considerare le due ragioni principali per cui si mangia, a parte il piacere.
-La prima è l’assunzione di calorie
-La seconda è l’apporto di nutrienti
Le calorie sono semplicemente la quantità di energia che contiene un alimento.
I nutrienti sono invece le vitamine, i sali minerali, le proteine, i carboidrati e gli altri elementi necessari per l’esecuzione dei processi cellulari e per il mantenimento delle normali funzioni del corpo.
Il corpo ha bisogno sia di calorie che di sostanze nutritive. Sappiamo che a causa delle circostanze che esistevano quando l’uomo è apparso sulla Terra, ma anche a causa della scarsità di cibo fino a pochi decenni fa, il nostro corpo funziona meglio con cibo ad alto valore nutritivo e basso rendimento calorico.
Nei giorni d’oggi accade esattamente l’opposto. La maggior parte dei cibi che assumiamo oggi fornisce una grande quantità di calorie ed ha un basso valore nutritivo. Anche se assumiamo un elevato numero di calorie, siamo, in effetti, affamati di elementi nutritivi.

Una pericolosa inversione

L’inversione dell’apporto calorico rispetto all’assunzione di elementi nutritivi è la ragione principale per la riduzione della nostra salute nell’era moderna.
Questa modifica ha preso luogo gradualmente nel corso degli ultimi quaranta anni ed ora abbiamo raggiunto un punto in cui la maggior parte del nostro cibo non ha, in sostanza, alcun valore nutritivo.
E’ ovvio che il nostro corpo per funzionare ed essere mantenuto in vita richiede sostanze vitali come ossigeno, acqua, micro-nutrienti (vitamine, minerali, aminoacidi) e macro-nutrienti (grassi, carboidrati, proteine). Se uno di questi è assente o non disponibile in quantità sufficiente, si riducono le prestazioni e la salute è compromessa.
Non pensereste mai di usare la sabbia nella vostra automobile invece che la benzina, interrompere l’alimentazione dell’aria oppure avviare il motore senza olio, vero? Sarebbe assurdo. Come possiamo aspettarci di essere sani e vibranti quando:
Le malattie croniche fino a pochi decenni fa erano rare, ora sono diventate comuni. Pensate a quante persone conoscevate vent’anni fa con la sclerosi multipla, artrite reumatoide, diabete, obesità, lupus o celiachia. Oggi la probabilità di conoscere qualcuno che soffre di queste malattie purtroppo è molto alta.
Mentre la ricerca scientifica cerca di scoprire farmaci per attenuare i sintomi associati a queste malattie, l’unica soluzione vera consiste nel ristabilire l’equilibrio biochimico del corpo umano.
La maggior parte dei cibi che mangiamo oggi sono veramente “falsi” e non forniscono il nostro corpo con le sostanze necessarie per eseguire le reazioni chimiche che contribuiscono alla sopravvivenza e al suo sano funzionamento.
Riuscite a ricordare com’era il sapore dei pomodori quando eravate bambini? Trovate delle differenze con i pomodori di oggi? L’odore? Il sapore? L’aspetto? Se ci pensate bene, si tratta di cose completamente diverse fra loro. Lo stesso accade con il pane, la carne, le verdure e altri alimenti. Il netto calo nel nostro cibo degli elementi nutritivi necessari per il sostenimento della vita e della salute è un grande problema per l’uomo d’oggi.

Esaltatori di sapidità e peggioramento della nostra salute

Quanto detto in precedenza, viene ulteriormente complicato dall’aggiunta di composti chimici per migliorare il sapore degli alimenti. Il sapore coinvolgente degli esaltatori di sapidità crea una dipendenza ai sapori sintetici e rende gli alimenti naturali non elaborati insipidi al confronto. L’abbandono di una dieta naturale porta ad abitudini sempre peggiori, la mancanza di energia ci rende più indulgenti ad uno stile di vita che ci dà meno resistenza fisica e così comincia un declino del livello della nostra salute che non è facile da fermare.
La soluzione è quella di adottare abitudini più naturali e sane. Gli alimenti devono essere “vivi” ed essere sottoposti ad un minimo trattamento.
La correzione delle deficienze di nutrienti è fondamentale. Sempre più studi collegano le malattie croniche a carenze di nutrienti essenziali e sovraccarico di composti tossici:
  • Sclerosi Multipla: vitamina D, metalli pesanti, amminoacidi essenziali
  • Artrite reumatoide: vitamina D, vitamina A
  • Asma: disidratazione, magnesio, sali minerali
  • Autismo: metalli pesanti, vitamina D, vitamina B6, magnesio, alterazione della flora intestinale
  • Diabete: vitamina D, magnesio, cromo
  • Malattie tiroidee: selenio, cromo
  • Cancro al seno: vitamina D, calcio
  • Tumore del colon rettale: alterazione della flora intestinale,vitamina D
  • Colite e malattie infiammatorie intestinali: alterazione della flora intestinale
  • Stomatite: Vitamina B12
  • Alzheimer: vitamina B12, magnesio
Valutare i deficit per poi ripristinarli in seguito, è la soluzione ideale. Viviamo in un’epoca in cui gli sviluppi tecnologici hanno causato un drastico cambiamento nel pianeta e l’ambiente di vita.
La tecnologia però, può essere la risposta al problema che essa stessa ha creato. Siamo in grado di misurare e valutare le vie metaboliche del corpo in tempo reale e siamo in grado di produrre le sufficienti concentrazioni di nutrienti essenziali.
Attraverso lo sviluppo di speciali analisi ad alta risoluzione siamo ora in grado di identificare le carenze di micro- e macronutrienti e andare verso il ripristino dell’equilibrio biochimico del corpo tramite la nutrizione e l’ assunzione dei nutrienti in deficit.
Alla vostra salute!

_______________________________

Fonti:
Un ruolo chiave di regolamentazione per l’istamina in encefalomielite autoimmune
Istamina transdermico nella sclerosi multipla
Come esercizio causare attacchi d’asma?
Selenio selenoproteine e la ghiandola tiroidea
Brain-gut-microbo comunicazione in salute e malattia
La vitamina D per la prevenzione del cancro J Epidemiology 2009
Vitamina D e prevenzione del cancro al seno
Vitamin D e prevenzione del cancro del colon-retto
Stomatite aftosa ricorrenti di qualsiasi origine con la vitamina B12
Tendenze di assunzione alimentare USDA
Recente esposizione a inquinamento da particelle fini legata all’attività lupus malattia “, Jennifer F. Nyland e Wendy Hessler, Environmental Health News, 11 novembre 2010
Elias K, et al. L’acido retinoico inibisce la polarizzazione Th17 ed aumenta l’espressione FoxP3 attraverso un percorso di segnalazione Stat-3/Stat-5 indipendente. Sangue 2008; 111:1013-1020.
Elevato apporto di vitamina D collegato alla riduzione del rischio sclerosi multipla, “InteliHealth, 12 gennaio, 2004;

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento